Jan
16
2010

Il 2010 ha (ri)portato simonerinzivillo.com negli indici di Google

Il 2010 ha (ri)portato il mio dominio simonerinzivillo.com negli indici di Google.
In realtà la storia di questo dominio risale al 2007, più precisamente al 27 maggio quando mi accorsi di essere stato bannato da Google.
Dopo svariate verifiche ed analisi individuai la causa in una falla di sicurezza del provider presso il quale avevo registrato il dominio e dove avevo in gestione i soli DNS.
Proprio nel pannello dei DNS trovai una configurazione anomala che io non avevo mai impostato: un record A con il wildcard che risolveva verso un server non mio dove erano stati pubblicati svariati domini di terzo livello pieni di spam.
Contattai il provider e soprattutto inoltrai la reinclusion request a Google.

Nessuna evoluzione e dopo qualche mese ho migrato il blog sul nuovo (e attuale) dominio simonerinzivillo.it.

Su simonerinzivillo.com non ho lasciato nulla, solamente la pagina d’errore personalizzata per comunicare il trasferimento.

Periodicamente ho verificato log del sito e profilo del Google
webmaster tool
in attesa di un segnale, fino a quando, alcune settimane
fa, ho trovato nel Google webmaster tool alcune informazioni che mi
hanno fatto pensare di aver risolto la situazione:

  • Una decina di segnalazioni di errori 404 in corrispondenza di pagine
    che Google non ha mai potuto indicizzare e che, non essendo presenti
    nel dominio .com da anni, deve aver trovato linkate da altri siti.
  • Una leggera attività dello spider.

google_webmaster_tool_1.jpg
A questo punto, i primi giorni di gennaio, ho deciso di verificare
la reazione dello spider se avessi sostituito lo status code d’errore
404 con la conferma di esito positivo (200).
Bene, sono stati sufficienti due giorni per aver conferma di quello che
avevo intuito: simonerinzivillo.com è nuovamente presente su Google.

About the Author: Simone Rinzivillo

1 Commento + Add Comment

  • Banalmente, auguri.
    P.S. Magari, dopo tutto questo tempo, dai un’occhiata alle risorse che segnali nella colonna di destra.
    Nei primi due casi probabilmente basta cambiare l’indirizzo, ma “SEO tribù” è morto da anni e “Smart Web Marketing” è diventato tutt’altro.
    Bye

Lascia un commento

About Me

Lavoro nell'informatica dal 2000. Ho iniziato come consulente analista programmatore presso TSF S.p.A. nello sviluppo di sistemi informatici per il Gruppo Ferrovie dello Stato.
Ho lavorato in Ad Maiora come Project Manager e SEO specialist.
Oggi curo la visibilità online dei clienti di Mamadigital dove ricopro l'incarico di Technical Manager.